Attimi di insolita felicità…

Melania Licata

Pioveva qualche giorno fa. Un lento e delicato fruscio attraversava le mattonelle umide, le gocce scandivano i secondi e l’aria pian piano veniva fuori.
Respiravo lentamente quasi per timore di rompere quel suono, i piedi scalzi mi davano la sensazione di sentir ancor di più, trattenevo il fiato e mi pareva di non respirare.
Sentivo le voci che si levavano tutte insieme, il suono del clacson, le corse di chi per timore di bagnarsi correva frettolosamente.
Chiusi gli occhi, appoggiai la fronte sul vetro, dentro allo stomaco avevo una strana sensazione, ma non riuscivo a capirlo.
Quelle gocce si adagiavano sul mio volto e piano si facevano strada dentro di me.
“Respira” mi dissi. È un movimento lento fatte di piccole pause e non vi è alcuna necessità di trattenerlo.
Ero preda di una malinconica debolezza, una miriade di piccoli respiri intervallati da puntini.
Sentivo la vita.
La sentivo sotto…

View original post 177 more words

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s