Spaghetti integrali con pesto, calamaretti, pachino e la mia avventura in Barilla

spaghetti integrli pesto e calamari (4)

Curiosità e nuove avventure sono il mio pane quotidiano, e anche stavolta non ho saputo resistere ad entrambe. Hanno bussato alla mia porta, sotto forma di un nuovo progetto,’Con gli occhi delle Blogger’ per il sitoGuarda tu Stessodi Barillae io vinta dalla mia inarrestabile curiosità non ho saputo dire di no. E quindi, fatta la valigiasono partita alla volta di Parma, alla scoperta della sede produttiva di Barilla.

Cosa ho fatto in Barilla?! Ve lo spiego subito….

Io ed altre cinque blogger siamo state chiamate per guardare con i nostri occhi, le lavorazioni dei sughi: sei blogger, due squadre, qualità e bontà, e un solo obiettivo, scoprire più da vicino come viene preparato il pesto alla genovese Barilla.
Devo essere onesta, io non sono solita usare sughi pronti, anzi, se devo dirvi tutta la verità, ammetto che la mia cucina non l’hanno davvero mai vista.
Le…

View original post 539 more words

Spaghetti con colatura di alici di Cetara

Eggless wholewheat marble cake 

PicUrFood

cakw1

I am sure you guys have known by now that I love baking. We are cake lovers especially plain tea time cakes. And since I bake very often, I prefer using wholewheat flour and bake without eggs. My in laws are vegetarians and they expect me not to cook any meat or eggs. Since my husband is an eggetarian, we do have eggs on a regular basis but have seperate utensils to cook eggs. Those utensils are kept and washed seperately. I know this sounds weird but this is what my in laws asked me to do. It is quite painful but I have been managing it well from past three years. By the way, I used to cook awesome chicken before I got married. Every sunday was a chicken day. Things are so so different now, na khana aur na banana.

So about this cake now. Marble cake basically…

View original post 466 more words

Granita di mandorle tostate

Reblogged on WordPress.com

Source: Granita di mandorle tostate

La storia dentro la bottiglia.

Diary of Wine and Rum

Mi porto in testa l’esigenza di scavare a fondo quelle bottiglie che mi hanno stupita.Cogliere certe presunte stravaganze della personalità dell’uomo che le ha create,evidenziabili nel vitigno o riscontrabili nel vino.                                                                  Mi serve capire i modi di farlo quel vino. Piccole o grandi vicende personali dei  vignaioli, interpretarne le parole e collocarli nel loro terroir. Arcagna, Migliarina, Galeae, Posaù, Luvaira, Pini, Giuncheo, Curli, Brae, Brunetti, Tramontina,ecc.

Torno quì ma stavolta vi racconto di  Filippo Rondelli,ovvero Terre Bianche.Dei suoi vini e del suo lavoro  approfondito e meticoloso di mappatura di queste aree storiche,  che grazie in larga parte a lui,sono riunite in un documento, vi racconto dell’associazione costituita  anche per la sua tenacia e  le sue prospettive,dapprima con cinque produttori…

View original post 845 more words