Le colazioni di Ottobre.

Sa raccontarsi lui.
Sa farlo anche quando non usa le parole. E lo sa fare, perché riesce perfettamente ad incastrarsi tra un soffio e l’altro.
Sa mostrarsi. Specie quando nel cielo disegna ghirigori di nuvole e l’aria inaspettatamente profuma di buono.
Non riesce mai a regalare certezze, al contrario, invece, dona sussulti fatti di carezze.
Ogni tanto, gioca a nascondersi dietro l’ombra di alberi vigorosi, ma sa, quando uno spiraglio di luce è qualcosa che puoi afferrare anche con le mani.
M’innamoro sempre più di Ottobre. Dei giorni che si accorciano in fretta, ma vorresti non finissero mai.
M’innamoro di quella straordinaria lentezza che ha come dono la capacità di render tutto speciale.
Io il mio giorno lo cominciò così.
Con le imposte aperte e l’aria fresca che accarezza la pelle. I rumori silenti di una città che ancora dorme.
Inizio dalla colazione, ricca, sana e genuina.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAGranola: 

Cosa occorre:

View original post 144 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s